LEIJI MATSUMOTO – RIN TARO – CAPITAN HARLOCK (CLASSIC BOX epp. 22-42)

LEIJI MATSUMOTO – RIN TARO – CAPITAN HARLOCK (CLASSIC BOX epp. 22-42)
DVD 4

N.B. Le parti tagliate nella trasmissione TV hanno audio jap e sottotitoli in italiano…

MENU
START
EPISODI
LINGUE
EXTRA (Sigla di apertura e chiusura italiana edizione TV)

22 – IL SEPOLCRO DELLO SPAZIO

Harlock torna con l’Alkadia sul satellite Ombra di Morte per analizzare i dati ottenuti sulla flotta mazoniana. Potentissima la flotta che le immagini mostrano…
Raflesia ordina intanto l’invio di un Pennant sulla Terra che comunichi ad Harlock la direzione che la flotta sta impegnando. Intercettato l’oggetto volante, Harlock ordina ai ricognitori di partire in direzione della flotta di Raflesia per poi far iniziare il volo anche all’Alkadia… Dopo quindici giorni la neve spaziale viene attratta sul pianeta Ombra di morte, meglio noto come Il sepolcro dello spazio, impossibilitata a muoversi. L’equipaggio non può che attendere la morte o un evento che li liberi. Raflesia ordina intanto alla flotta di andare ad attaccare l’immobilizzata Alkadia… Ma, due giorni dopo, l’attacco nemico permette all’Alkadia di muoversi e di sconfiggere le navi nemiche…

23 – YATTARAN: MODELLISTA POETA

Durante un attacco mazoniano respinto con successo, Yattaran viene incaricato di catturare le mazoniane ancora vive. Entrato in una navicella, viene però catturato e fatto prigioniero. Il comandante della flotta chiede alle sottoposte di scoprire informazioni sull’Alkadia… Genmio fin da piccolo, il seconda media è fuggito di casa per poi riparare un giorno l’Alkadia in panne dopo averne appena visto gli schemi… Harlock e gli altri riescono a liberarlo prima ch’egli possa aver parlato o riconsegnato un modellino dell’Alkadia… Durante l’operazione Tadashi resta lievemente ferito…

24 – STELLA CADENTE

La flotta mazoniana diretta verso la terra è talmente vasta da comprendere anche navi ospedale, civili o destinate al trasporto di prigionieri e schiavi… Harlock riesce a catturare due prigionieri, Zolba di Tobaga e Ruja l’infermiera, fuggiti dalla flotta mazoniana e per questo dalle stesse attaccati… Harlock rivela al ragazzo l’incontro avuto con il padre Zoru di Tobaga prima che, coraggiosamente, morisse combattendo le mazoniane… Daiba sostiene i due profughi siano spie, ma Harlock e gli altri lo convincono del contrario… Intercettato il segnale proveniente dalla nave di Zolba, Raflesia si presenta come ologramma ad Harlock pretendendo la restituzione dei due fuggitivi. Mostra quindi la madre di Zolba, imprigionata e sottoposta a tortura fino al suo ritorno. Ma la donna lo invita a non farlo…
L’Alkadia viene circondata da navi nemiche. Zolba e Ruja decidono di uscire per attirarle al proprio inseguimento allontanandole da Harlock e trovando così una gloriosa morte…

25 – LA FIGLIA DEL DOTTOR ZERO

Ancora scosso per la fine di Zolba e Ruja, l’equipaggio avanza fieramente incontro alle navi mazoniane. Le prime navi a farglisi incontro sono quelle della terza squadra d’avanguardia… Il Dottor Zero si presenta sul ponte di comando con indosso una vecchia corazza da samurai. Combatterà per onorare i due ragazzi defunti. Poi racconta la storia della gattina Myu affidatagli dalla moribonda gatta che era entrata nel suo studio di veterinario e sua compagna inseparabile, una figlia… Lo scontro è facilmente vinto dagli uomini di Harlock che restano tuttavia shoccati dall’apprendere di aver abbattuto anche una nave passeggeri…

26 – LUNGO VIAGGIO VERSO LA PATRIA

Tra le comandanti mazoniane una fazione richiede l’allontanamento dei civili che si stanno spostando per raggiungere la Terra assieme alle navi da guerra. Ma gli ordini di Raflesia sono quelli di giungere assieme. Nonostante ciò numerosi civili sono eliminati dalle stesse mazoniane, soprattutto le squadre condotte da Katandra, provocando le rimostranze di Thessius, guida dei civili, che, di conseguenza, decide di guidare alcuni civili verso il pianeta Beta… Raflesia ordina al suo braccio destro, Cleo, di rintracciare ed eliminare Thesius e i civili. Ricevuto un ordigno esplosivo da Cleo, Thessius e il suo gruppo trovano la morte… Ormai priva di ogni compassione dopo la lacrima spesa per Thessius, Raflesia riappare in ologramma ad Harlock intimandogli di non ostacolare il rientro delle mazioniane sulla Terra, loro seconda patria. Il pirata dello spazio le dimostra che lui utilizza la forza per difendere i terrestri, non per offendere altri popoli…

27 – LA DECISIONE DELL’ALKALDIA

A causa dell’influenza spaziale che ha iniziato a colpire i membri dell’equipaggio dopo tre giorni di ininterrotti combattimenti, Harlock ordina l’istituzione di turni di dodici ore e di penetrare nello schieramento nemico attraverso la flotta civile. Raflesia, accortasi della mossa, fa deviare la flotta civile…
Raflesia scopre, tramite rapimento e minacce al ministro della difesa Kirita, che Harlock sta difendendo la Terra per garantire la sopravvivenza di Mayu, rifiutando però di prendere la piccola in ostaggio…
Kirita avvisa invano il primo ministro della minaccia mazoniana…
Il terzo battaglione mazoniano si ribella attaccando nonostante l’ordine di Raflesia di difendere le civili. La regina è così costretta da dare l’ok al rapimento di Mayu…
Kirita avvisa Harlock del rapimento di Mayu operato dalle mazoniane. Ed è proprio la regina a palesarsi come ologramma al pirata spaziale avvisandolo di tenere in ostaggio la piccola presso la Nebulosa Ulissa… Ricattato e con gli uomini allo stremo, Harlock decide di lasciare all’Alkadia la decisione su cosa fare. Il suo inventore è il padre di Mayu. L’Alkadia decide di far rotta verso la Nebulosa Ulisse…

28 – LA NEBULOSA ULISSE

L’Alkadia giunge in vista della Nebulosa Ulisse e dei sette pianeti che la compongono. Harlock opta per quello Umano. Lì ritrova un suo vecchio amico che, però, si rivela essere al soldo delle mazoniane. Al termine di una dura lotta, gli abitanti muoiono. Tutti tranne il nipote dello scienziato e una bambina che, lasciati sul posto, potranno ripopolarlo di lì a qualche anno… L’Alkadia riparte alla ricerca di Mayu…

DVD 2

N.B. Le parti tagliate nella trasmissione TV hanno audio jap e sottotitoli in italiano…

MENU
START
EPISODI
LINGUE
EXTRA (Sigla di apertura e chiusura italiana edizione TV)

29 – SCONTRO SUL PIANETA ARCOBALENO

Harlock e gli altri sono sempre alla ricerca di Mayu. Un giorno, al passaggio di una flotta raflesiana, il capitano manda Tadashi in avanscoperta. Disposto anche a farsi catturare pur di scoprire il luogo di detenzione di Mayu, il ragazzo rifiuta di tornare indietro al loro cambiar rotta, finendo per perdere il controllo del mezzo. A salvarlo è un gruppo di mazoniani civili che gli chiedono di aiutarli a sfuggire a Raflesia. Quando poi lui chiede di Mayu, la donna leader del gruppo dichiara di potergli fornire informazioni sulla piccola solo previo contatto con Harlock… Nell’attesa uno stormo aereo mazoniano attacca il piccolo pianeta. Più tardi Tadashi scopre l’esistenza di una base segreta e di esser stato ingannato. Anche Harlock sta intanto giungendo sul pianeta per soccorrere Tadashi, finendo vittima di un attacco mazoniano dal quale scampa per miracolo…

30 – AMICO MIO, MIA GIOVINEZZA

In attesa di poter rintracciare Mayu, Harlock ripercorre una vicenda del passato. La fuga dalla Terra, la visita di Esmeralda e l’inseparabile amico Tochiro. Catturati da un ammiraglio, sono impiegati in una miniera su un pianeta sperduto. Grazie ad Esmeralda e dopo aver fatto esplodere la nave che li ha catturati, i due possono ripartire. Esmeralda e Tochiro si sposeranno, generando di lì a un anno la piccola Mayu… Il cervello di Tochiro è ora nell’Alkadia…

31 – LA COSTRUZIONE SEGRETA DELL’ALKADIA

Le mazoniane sono ora all’inseguimento di Harlock indebolito dopo la cattura di Mayu… Il capitano, durante la lavorazione del ferro, inizia a ricordare la costruzione dell’Alkadia sul pianeta Hogmelder, astro ai tempi prossimo alla distruzione per impatto con la stella Ganda e che Tochiro stava cercando di salvare… Grazie a un minerale trovato da Harlock su una pianeta di ghiaccio, Tochiro è riuscito a creare una lega con cui costruire l’Alkadia ma, ammalato da tempo, lo scienziato muore durante il viaggio… Esmeralda riparte affidando Mayu ad Harlock…

Le mazoniane testano un potente laser che ritengono in grado di distruggere l’Alkadia. Avanguardie mazoniane si avvicinano intanto sempre più alla Terra. Ma Harlock ordina di proseguire la rotta. Ode il suono dell’ocarina di Mayu, afferma, e l’Alkadia cambia rotta da sé in direzione del pianeta Vento…

32 – MUSICA DEL PIANETA VENTO

L’Alkadia sbarca sul pianeta Vento ed Harlock in persona mette piede a terra per salvare Mayu nonostante sia evidente la trappola allestita dalle mazoniane che avevano registrato il suono dell’ocarina della piccola e costruito un robot che ne riproduceva le fattezze… Scampato all’agguato, Harlock riparte meditando vendetta…

33 – ANCHE UN SOLO CUORE GENTILE

Le mazoniane, prive dell’ostacolo Harlock, avanzano sempre più verso la Terra dove, Kirita a parte, nessuno si preoccupa di eventuali minacce aliene… É lui l’unico a tentare di voler salvare la Terra e riuscire a contattare Harlock per poterci riuscire. Su Marte le aliene stanno atterrando e l’unico che gli dà ascolto è un ex ministro ora alcolizzato..
L’Alkadia finge di cadere nella trappola tesa dalle mazoniane che la vorrebbero sul pianeta Ghiaccio. Deviando rotta si ritrova in vista di Marte dove una flotta mazoniana sta per attaccare. Unico a farglisi incontro e a morire da eroe è l’ex ministro, un tempo fidanzato della cuoca dell’Alkadia, caduto in depressione dopo aver ucciso la moglie mazoniana e da nessuno creduto… L’Alkadia fa quindi rotta verso i pianeti gemelli…

34 – LA NINNA NANNA DELLA GALASSIA

In vista dei pianeti gemelli le mazoniane lanciano onde sonar contro l’Alkadia per danneggiarne i radar… Sbarcato su uno dei pianeti, Harlock rischia quasi di essere ucciso da due mazoniane riuscendo tuttavia a salvarsi. In una stanza ritrova Mayu, intenta a suonare la sua ocarina, che riabbraccia così dopo lungo tempo. Al termine di una rocambolesca fuga, i due riescono a tornare indenni sull’Alkadia… Lì la bambina, ancora sotto effetto di una sostanza iniettatale dalle mazoniane, continua senza sosta a suonare l’ocarina senza addormentarsi… È solo con l’aiuto di Tochiro/Alkadia che la piccola riesce ad addormentarsi… Con la piccola al sicuro il capitano può ora ricominciare la caccia alla flotta mazoniana…

35 – L’ESSERE MISTERIOSO

L’Alkadia avanza senza incontrare navi nemiche…
Sulla Terra intanto Kirita elimina una mazoniana che voleva corromperlo. Ma l’assistente del primo ministro, Nomino, manomette il video dell’incontro denunciando Kirita come congiurante. La donna lascia poi una bomba nell’auto del primo ministro che ordina così l’arresto di Kirita che, dopo un rapido processo, viene condannato alla pena di morte… Nomino si pente e, dopo aver lanciato un messaggio all’Alkadia, fa evadere l’ex ministro della Difesa…
Harlock sbarca sulla Terra dove lascia Mayu all’orfanotrofio. Lì s’incontra con Kirita che gli chiede di portare al sicuro Nomino. L’Alkadia riparte con la misteriosa e infida donna a bordo. Un’amica o una nemica?…

DVD 3

N.B. Le parti tagliate nella trasmissione TV hanno audio jap e sottotitoli in italiano…

MENU
START
EPISODI
LINGUE
EXTRA (Sigla di apertura e chiusura italiana edizione TV)

36 – IL COMPUTER VIVENTE

Il dottor Zero fa visitare l’Alkadia alla misteriosa Namino… Giunta nella sala computer si evidenzia come la donna sia in realtà una spia mazoniana che, tramite un orecchino, trasmette quanto vede e sente a Raflesia…
Mime è l’unica a mettere in guardia Harlock sull’ospite. Lui replica che la proteggerà come promesso a Kirita…
Raflesia ordina a Namino di spiare Harlock e lei tenta subito, invano, di sedurlo. Durante un successivo colloquio il capitano si mostra sprezzante e incurante della morte. Adirata, Raflesia ordina l’attacco… Durante le operazioni Namino piazza una bomba sul computer centrale, ma Tochiro avverte Harlock che riesce così a limitare i danni. Harlock ordina allora di simulare un guasto. Le mazoniane attaccano, ma l’Alkadia le distrugge… Namino fa rapporto e così Raflesia capisce che il quarantaduesimo membro dell’equipaggio nemico è il suo computer centrale, Tochiro. La regina ordina allora un altro attacco in massa…

37 – L’ASTUCCIO VUOTO

Una registrazione ambientale incastra Namino che, in codice, contatta Raflesia…
Durante un attacco la spia tenta invano di piazzare una bomba nella sala computer. Raflesia la biasima, essendo stata scoperta. Namino, rosa dalla delusione, decide di passare all’azione tentando di dirottare l’Alkadia. Harlock la allontana dalla nave lasciandole una scialuppa, velivolo che viene attaccato dalle mazoniane. Harlock ordina di salvare Namino che viene recuperata e curata a bordo dell’Alkadia. Lì, un giorno, ormai ristabilita, dopo aver terminato un maglione per Harlock, si reca nella sala del computer dove minaccia di far saltare tutto in aria. Tadashi le spara e Harlcok le dà il colpo di grazia. Di lui si era innamorata. L’astuccio della bomba era vuoto e lei ha così voluto trovare la morte… Harlock ne lancia infine il corpo nello spazio, avvisandone Kirita omettendo la sua qualità di mazoniana…
Raflesia ordina intanto l’attacco diretto alla Terra…

38 – L’INVISIBILE PADRE DI MAYU

Le Mazoniane fanno rotta verso la Terra, ma l’Alkadia riesce ad arrivarvi per prima attraversando un campo elettromagnetico. Harlock saluta Mayu affidandola a Kirita che la porterà in Egitto dal suo vecchio precettore… Le mazoniane intanto non trovano ostacolo alcuno all’invasione… Seppur ferito durante il volo, Kirita riesce a portare in Africa la piccola Mayu. L’Alkadia li salva da una nave mazoniana, ma ecco che il ministro della Difesa stramazza al suolo, esausto… Presa per mano Mayu, Harlock la porta nella sala computer dove le presenta il padre, Tochiro, incarnato nel cervellone. Seguendo la ninna nanna che il genitore sempre le cantava, lo riconosce infine, sebbene sia solamente la di lui anima presente nell’Alkadia. Deve quindi rispettare la sua volontà di rimanere sulla Terra…
Harlock ordina ai suoi di puntare direttamente sulla nave ammiraglia mazoniana…

39 – MORTE DI KIRITA

Kirita, in via di guarigione dopo esser stato operato da Zero e vivo grazie a una donazione di sangue dei pirati spaziali, ringrazia Harlock chiedendogli di poter combattere all’avvicinarsi di navi mazoniane. Il capitano ordina di cambiar rotta per evitare uno scontro diretto contro le più numerose navi nemiche. I pirati sono in difficoltà, finendo abbordati dalle aliene. La difesa è strenua e anche Kirita viene arruolato per la protezione della sala computer con Yattaran e Tadashi. Altre navi mazoniane circondano intanto l’Alkadia. Grazie a un’improvvisa inversione delle correnti gravitazionali, i satelliti di Giove disperdono le navi mazoniane… Kirita intanto chiude Tadashi e Yattaran nella sala computer affrontando da solo le mazoniane in corridoio, pur crivellato di colpi… Sconfitte le assalitrici, Harlock fa rotta sul satellite Ombra di morte per riparare l’Alkadia e curare Kirita che, però, muore per le ferite riportate con negli occhi il mare e nella mente la Terra…

40 – LA NAVE DEL MIRAGGIO

Riparata l’Alkadia, Harlock e gli altri riprendono a solcare lo spazio… Fingendosi una nave ospedale in cerca di medicinali, le mazoniane attaccano l’Alkadia… Ripetutamente le aliene si servono di spregevoli trucchi, facendosi ad esempio anche scudo di una nave civile. Harlock sale a bordo della nave della tribù di Toga e, scoperta una donna ferita e che sta per partorire, la fa trasportare con il marito sull’Alkadia. Ma ecco che Raflesia ordina un nuovo attacco, ma le navi civile si frappongono impedendone la realizzazione… Il bambino nasce e le navi civili riprendono il volo. Poco dopo l’Alkadia giunge in vista della Docklas, la nave ammiraglia della regina Raflesia…

41 – RAFLESIA E HARLOCK: INCONTRO RAVVICINATO

La vista della maestosa nave di Raflesia impressiona i pirati dello spazio. Ma l’emozione dura poco. Tadashi, mosso da sentimenti di vendetta, apre il fuoco accorgendosi presto però che la nave è schermata e semplici colpi non la possono di certo danneggiare… Le mazoniane passano al contrattacco, ma le piccole navi sono facilmente abbattute dai pirati… Con l’Alkadia parzialmente danneggiata, Harlock decide di uscire in squadriglia per penetrare nella nave nemica. L’assalto riesce e in breve tutte la mazoniane, Cleo inclusa vengono uccise…
Harlock si trova intanto al cospetto della furiosa Raflesia, umiliata dall’esser stata fermata nel suo programma d’invasione. Il pirata deve affrontare gli zombie delle mazoniane già uccise e solo l’intervento di Tochiro/Alkadia lo salva. Con la regina inizia poi un duello all’arma bianca, duello che lo vede vincitore… Scorto del sangue fuoriuscire da una ferita al petto di Raflesia, Harlock ripone la spada invitandola a ripartire assieme alle civili. La regina accetta, la Terra è salva e i pirati fanno festa, tutti tranne Harlock che si chiede perché la regina gli abbia chiesto ripetutamente “Vuoi davvero che io parta?”…

42 – ADDIO, PIRATA DELLO SPAZIO!

Harlock decide di congedare l’equipaggio. Devono dividersi. Molti di loro, soprattutto i giovani, dovranno rimanere sulla Terra a riportarla sulla giusta strada per evitare che gli errori del passato possano ripetersi…
Le parole di Raflesia continuano a turbare la mente del comandante…
In Egitto Harlock viene informato della fuga di Mayu. Tornati a Tokyo ricevono un’assurda accoglienza da parte del primo ministro che gli ordina di non sbarcare e di ripartire entro cinque ore. Harlock va a parlamentare, ma viene informato dell’impossibilità di veder cancellate le condanne a morte che gravano sulla testa di Tadashi e degli altri pirati. D’improvviso inizia a nevicare e dal suolo fuoriescono le mazoniane, il cui esercito dilaga sulla Terra non trovando opposizione alcuna… Il primo ministro giunge a implorare Harlock a combattere le aliene, proponendo un’amnistia per i pirati… Mayu e i suoi amici sono intanto costretti a fuggire le bombe nemiche invocando l’aiuto di Harlock e di Tochiro. L’Alkadia si alza da sola in volo iniziando a distruggere le navi nemiche. Poi Harlock ordina a Yattaran di far fuoco sul pennant. Colpito e distrutto, le mazoniane muoiono all’istante. La Terra è salva…
Harlock accoglie Mayu e i suoi amici, poi si congeda da lei e dagli altri membri dell’equipaggio eccetto Mime. Tadashi viene incaricato di occuparsi della ricostruzione della Terra. L’Alkadia riparte con Mime al timone, mentre Harlock brinda alla vittoria con Tochiro chiedendosi come sia stato possibile trionfare sulle mazoniane…

Precedente SPIKE LEE – MO BETTER BLUES Successivo CARLO VERDONE – TROPPO FORTE