NANCY MEYERS – LO STAGISTA INASPETTATO (THE INTERN)

NANCY MEYERS – LO STAGISTA INASPETTATO (THE INTERN)

MENU

PLAY – SCENE SELECTIONS – LANGUAGES – LEARNING FROM EXPERIENCE

Brooklyn. Il settantenne vedovo Ben Whittacker fa domanda per un posto da stagista presso il sito di moda online, ATF (Aboutthefit.com), fondato da Jules Ostin. Ha viaggiato tanto, ora svolge numerose attività, ma sente un vuoto nella propria vita. L’annuncio di lavoro lo ha notato su un volantino, decidendo così di mettersi in gioco nonostante la tecnologia non sia il suo forte. Realizzato e caricato online il video di presentazione, viene convocato per un colloquio e assunto come stagista senior…

In qualità di presidente, Jules è costretta a lavorare per almeno sei settimane con uno degli anziani selezionati. Le viene affiancato proprio Ben… Nel primo colloquio, Jules ritiene di non avere lavoro per lui e preferirebbe facesse domanda di trasferimento ad altro reparto. Ma Ben rifiuta. Dovrà così rimanere in attesa di comunicazioni via mail…
Passano i giorni senza che gli arrivi una chiamata e così Ben inizia ad aggirarsi per l’ufficio dando una mano a chi ha bisogno, dispensando consigli e cercando di carpire i segreti del mestiere… La chiamata arriva… per portare una giacca in tintoria…
Cameron, braccio destro di Jules, espone la necessità di assumere un amministratore delegato che possa gestire il volume d’affari che sta aumentando a dismisura rischiando di non permettergli di soddisfare i clienti…
L’affabilità di Ben lo rendono un idolo dei dipendenti, con approvazione di Jules non appena sistema di sua iniziativa una scrivania colma di oggetti ammassati…
La massaggiatrice aziendale Fiona Farwell, bella donna di mezza età, gli lascia il proprio numero. La simpatia è decisamente ricambiata…
Mike, l’autista di Jules, beve alcolici scorto da Ben che, così, lo sostituisce alla guida… L’appuntamento con un potenziale AD è un disastro per Jules che, però, è almeno lieta delle piccole attenzioni di Ben…
Tornato a casa, Ben decide di chiamare Fiona… Alle cinque del mattino viene svegliato dalla segretaria Becky per sostituire ancora Mike. Invitato a entrare in casa da Matt, il marito di Jules e padre di Paige, s’introduce nella sua vita, spingendola a inviare una mail a Cameron affinché lo trasferisca in quanto troppo ossequioso e osservante…
Parlando durante una pausa, Jules viene a sapere che Ben ha lavorato per quarant’anni nell’azienda che occupava precedentemente gli stessi locali della ATF… Una coincidenza sorprendente. Jules l’aiuta a settare l’account di FB, scoprendo alcuni interessi comuni…
Al mattino, ritrovandosi con la vecchia Dorsi come autista, Jules si pente della richiesta di trasferimento di Ben, e così lo va a cercare per riprenderlo con sé e trasferirlo vicino al proprio ufficio, in ausilio a Becky…
In breve Ben diventa un prezioso collaboratore, sfruttando la sua esperienza e praticità (compreso il recuperare il computer della madre di Jules per cancellare la brutta mail inviatale dalla figlia; accompagnare Paige a una festa e scoprire una relazione clandestina di Matt; accompagnarla e supportarla in un viaggio a San Francisco per un colloquio con un potenziale AD; confidente nell’ascoltarla rivelare che Matt la tradisce)…
Jules assume l’AD Townsend per cercare di riallacciare il rapporto con Matt…
Il mattino seguente Ben critica la sua decisione, il suo voler rinunciare al progetto di una vita solo per far sì che il marito smetta di avere un’amante. Jules sa che quella è anche la sua posizione e che quindi non lascerà l’azienda in mano ad altri… Giunti in ufficio, arriva anche Matt a chiederle di non prendere un AD solo per lui e di aver lasciato l’amante… Si rappacificano. E Townsend non viene così selezionato…
Uscita in cerca di Ben, Jules scopre che si è preso un giorno libero tornando a praticare yoga al parco. Lì lo raggiunge unendosi al gruppo…

*Film discreto ma a tratti noioso, con parti divertenti e altre drammatiche, con troppi punti “morti”…

Precedente JAMES MCTEIGUE – V PER VENDETTA MENU Successivo BRIAN DE PALMA – GLI INTOCCABILI. THE UNTOUCHABLES