LOUIS-FERDINAND CÉLINE – DEUX CLOWNS POUR UNE CATASTROPHE

LOUIS-FERDINAND CÉLINE – DEUX CLOWNS POUR UNE CATASTROPHE
PARADIS FILMS 3384442270106 – 2016

Un immenso grazie a Jeannine Renaux che mi ha regalato una copia del film

MENU PRINCIPALE

FILM

CONFIGURATION

CHAPITRES

BANDE-ANNONCE

Sulle immagini di epurazioni nel periodo postbellico, le voci (di chi recita la parte) di Hindus e di Céline leggono alcuni passi di lettere tra di loro scambiate prima dell’incontro dal vivo…
Una schermata riassume lo stato di libertà vigilata in cui Céline è costretto a vivere in Danimarca dopo esser stato precedentemente recluso per diciotto mesi in prigione…
Altri passi di lettere… Céline invita Hindus che accetta infine di raggiungerlo in Danimarca…
1948. In autobus Hindus raggiunge Korsor dove, ad attenderlo, trova Céline e Lucette… L’entusiasta giovane professore universitario annota strada facendo aforismi per lui interessanti e che non vuol dimenticare in vista della possibile redazione di un libro…
In un caffé lo scrittore legge la petizione che sta girando tra alcuni intellettuali americana ad opera di Hindus che, poco dopo, viene condotto fin nell’albergo in cui potrà dimorare durante il soggiorno danese…
Lucette invita Céline a trattare bene l’ospite e ad evitare l’argomento ebrei…
Hinds Inizia a redigere la bozza di quello che sarà The Ctipple Giant. Céline, con il passare dei giorni, inizia a straparlare, durante le passeggiate, attaccando comunisti ed ebrei, pur essendo Hindus un ebreo americano…
Il professore mette finalmente piede nello studio del maestro, tra fogli di carta scritti e il gatto Bébert…
Vorrebbe parlare di letteratura Hindus, ma Céline finisce sempre per deviare il discorso sulla sua condizione di esiliato e sugli ebrei…
Talvolta sbirciano le ballerine alle prese con gli esercizi di danza impartiti loro da Lucette…
Lo scrittore ritiene l’altro stia tramando per pubblicare un libro, seppur impegnato nella redazione di una domanda d’amnistia, e Lucette lo esorta ancora a fare attenzione a quel che dice: un ebreo che difende Céline è infatti un’occasione da non lasciarsi sfuggire…
I rapporti s’incrinano e il professore constata che molte delle cose dichiarate da Céline sono false o ingigantite. Inizia così a revisionare la prima stesura del libro che lo stesso Céline aveva deciso di voler vedere pubblicato collaborando con lui…
Poco prima della ripartenza per gli USA del professore, Céline trova nella sua stanza alcuni fogli del manoscritto The Cripple Giant in cui la sua figura viene messa in cattiva luce. Definisce se stesso e il professore come due clown per una catastrofe che, necessariamente, pensa si abbatterà su di lui alla pubblicazione del libro. Hindus riparte, nonostante gli estremi vani tentativi di Lucette e di Cèline di trattenerlo, per raggiungere la moglie incinta negli USA e scrivere il libro sul suo parzialmente decaduto mito…
Nel febbraio del 1950, nonostante la diffida dello scrittore francese, The Cripple Giant viene pubblicato negli Stati Uniti. Qualche settimana dopo Céline è condannato in contumacia a un anno di prigione, a cinquantamila franchi d’ammenda e all’indegnità nazionale, poi amnistiato l’anno seguente. Il 1 luglio 1951 rientra in Francia con Lucette e Bébert…

Buon film. Solo a tratti l’ottima interpretazione di Lavant risulta eccessivamente caricaturale. Troppo basso di statura, inoltre, rispetto alla Lucette del film…

IMG_20161015_203022

Precedente FABRIZIO DE ANDRÉ - E POI IL FUTURO. A cura di Guido Harari Successivo ALDO, GIOVANNI E GIACOMO - NON SOLO I CORTI + 1 ORA