Ken il guerriero 5 (Buronson-Tetsuo Hara) – D/Books


 

I COLPI DI KEN IL GUERRIERO
36 – CHI RIDERÀ PER ULTIMO?!
Lo scontro tra Ken e Rei inizia senza esclusione di colpi: Ken
colpisce Rei con un pugno, ma l’altro lo trafigge con la mano destra sul
petto. I due sembrano essersi uccisi a vicenda (tanto che le due
donne ostaggio vengono momentaneamente rilasciate), ma nel momento in
cui i nanetti vanno a farli a pezzi, questi vengono massacrati. I due hanno infatti usato delle tecniche di morte apparente e così per Kiba è giunta l’ora della resa dei conti…
10ppg a colori
37 – CONTO ALLA ROVESCIA VERSO LA MORTE

Ken affronta Kiba che, induriti i muscoli a mo’
d’armatura d’acciaio, pensa di essere imbattibile, riuscendo effettivamente a resistere ai colpi infertigli con una trave d’acciaio. Ken annulla le
difese del bandito con due pugni e una gomitata: il corpo di Kiba è ora molle e patisce i colpi di una seconda sbarra d‘acciaio. L’uomo tenta
allora di salvarsi scagliando contro Ken i nanetti rimasti, ma questi
fuggono uccisi però da Rei. Kiba tenta allora di lanciare una
bomba a Ken ma i suoi muscoli, irrigiditisi, glielo impediscono e l’ordigno scoppia così sulla sua mano spappolandogli il braccio. Ken
lo finisce allora aprendogli la testa in due con un colpo…

 38 – LO SGUARDO DELL’ODIO

Tornati al villaggio di Mamiya, Ken preme lo tsubo della
luminosità ad Airi affinché la ragazza possa in breve riacquistare
la vista. Mentre gli uomini del villaggio festeggiano la fine del
clan di Kiba, Rei ringrazia Ken che… si toglie la maglia
mostrando le sette cicatrici lasciando l‘altro senza parole. Ma ecco che
giungono Mamiya ed Airi, tornata a vedere dopo l’intervento di Ken.
Rei, che non crede alla malvagità di Ken, chiede allora alla
sorella se il rapitore sia lui ma Airi dice di no: il colpevole
indossava infatti una maschera. Ken capisce allora di chi si
tratta…
La scena si sposta in un villaggio dove un bestione sta rincorrendo una bella donna seguita anche dai fratelli che vorrebbero
salvarla. La ragazza si imbatte in un uomo misterioso in sella ad una
moto, con sette cicatrici e con una maschera in testa! Sceso dalla
moto, questi chiede al bestione di dire il suo nome e, non
conoscendolo, lo pesta usando colpi di Hokuto per poi immobilizzalo.
L’uomo misterioso carica allora un fucile e fa fuoco sulla faccia del
bestione, reo di non aver saputo il suo nome. Il fucile fa cilecca ma
il bestione è ugualmente morto di paura. I fratelli della ragazza
ringraziano l’uomo e reclamano la restituzione della sorella. L’uomo
misterioso però uccide subito uno di loro e mostra agli altri due le
cicatrici…
 39 – IL VIAGGIO VERSO LA MORTE
 

I due riconoscono allora l’uomo come Kenshiro!, si danno alla
fuga ma l’impostore spezza loro il collo...
Ken intanto
chiede a Rei di badare a Lynn e Burt e parte a regolare i conti con
l’uomo misterioso, uno della sua famiglia! Mamiya lo segue con lo
sguardo da lontano… ama Ken ma non c’è verso di farlo innamorare…
Al villaggio gli
uomini dell’impostore si divertono con la popolazione: sotterrato un
uomo chiedono ad un altro chi sia l’uomo raffigurato su un busto lì
eretto. Chi non risponde correttamente deve decapitare con una grossa
sega il sotterrato per poi prenderne il posto. Ad un tratto
interviene Ken e il capobanda lo interroga: fingendo di non sapere di
chi fosse l’uomo del busto, Ken viene messo alla sega per decapitare il
sotterrato di turno. Ma anziché decapitare il malcapitato, pianta la
sega in testa al banditoper poi frantumare il busto… del fratello
Jaggi!…
21pgg a colori
40 –  IL SACRIFICIO DI UN BIMBO
 
Ken, fattosi rivelare il luogo di dimora di Jagi, parte alla
sua ricerca… 
Il fratello intanto prosegue nei massacri di gente
innocente, spacciandosi per lui: il suo obiettivo è quello di
infangare il nome del successore della sacra scuola di Hokuto e di
attirarlo per lo scontro finale…
 Ken giunge alle porte del villaggio
e soccorre un bambino cui Jagger aveva legato alla gamba un enorme
masso, abbandonandolo poi nel deserto. Il bambino, stremato, muore
tra le braccia di Ken. Era colpevole solo di esser un fratello minore amorevole nei confronti del fratello zoppo e pronto a sacrificarsi per lui

 

 41 – LA PROFEZIA DEL MAESTRO

 

 

Ken entra in città portando con sé il bambino morto
venendo accolto con ostilità dal di lui e dagli
abitanti della città. Addolorato dalla situazione, obbliga il bambino
a sfogarsi scagliando contro di lui una freccia con una balestra. Le
malefatte del fratello lo hanno messo in difficoltà proprio come il
maestro di Hokuto gli aveva predetto: la sua indulgenza ha
provocato le stragi perpetrate da Jagi...

Ken raggiunge il
fratello (che ha appena eliminato uno dei suoi, reo di averlo visto e di essere inorridito di fronte al suo volto deforme) nel suo palazzo: la resa dei conti trai due ha così
finalmente inizio…
42 – UNA REGOLA SPIETATA 
Jagi conduce Ken sul tetto del palazzo: è lì che si
batteranno…
Un flashback ci narra cosa è accaduto in passato:
giuntagli la notizia della nomina di Ken a successore della scuola di
Hokuto, Jagi, interpellati i fratelli maggiori, giura
di fronte a loro di vendicarsi di Ken. Raggiunto Kenshiro in
palestra, prova invano a farlo rinunciare alla carica di successore. Ken
è troppo superiore ma, sfigurato il fratello, non riesce però a
dargli il colpo di grazia lasciandolo in vita…
  
 43 – SCONTRO ALL’ULTIMO SANGUE

 

 

Lo scontro è
impari, troppo superiore è infatti Ken. Jagi gioca allora l’ultima
carta: fa fuoriuscire benzina da un silos e la incendia, raccontando
nel frattempo che era stato lui a mettere Rei contro Ken! Carico di
rabbia, Ken frantuma con un pugno il pavimento…
44 – ESECUZIONE A QUATTRO MANI
La battaglia si svolge ora al piano inferiore e Jagi
tenta di sorprendere Ken usando la tecnica di Nanto. Ma Ken è troppo
superiore e per il malvagio non c’è scampo: il successore della sacra scuola di Hokuto lo colpisce infatti in nome
di Rei, di Julia, del bambino morto e di se stesso. Prima di
esplodere tuttavia, Jagger, tra le risate, rivela a Ken che gli altri
fratelli maggiorisono ancora vivi!…

 

I commenti sono chiusi.