CAPITAN HARLOCK – CLASSIC BOX 1 (EPP. 1-21)

 

CAPITAN HARLOCK – CLASSIC BOX 1 (EPP. 1-21)
YAMATO VIDEO – PSD000046

N.B. Le parti tagliate nella trasmissione TV hanno audio jap e sottotitoli in italiano…

MENU

START

EPISODI

LINGUE

EXTRA (Sigla di apertura e chiusura italiana edizione TV)

DVD 1

1 – BANDIERA PIRATA NELLO SPAZIO

In pochi salparono per il mare delle stelle…

2977… Capitan Harlock, pirata spaziale, compie scorribande nello spazio con la sua nave, l’Alkadia, ai danni di navi terrestri cariche di liquori, gioielli, minerali e grano. Solo quest’ultimo viene però prelevato…

I terrestri si sono rammolliti, unificati sotto il Governo Mondiale che non si cura di Harlock né di invasori. Le persone, che non devono più lavorare, sono ipnotizzate e rese inermi con raggi che fuoriescono dalle TV…

Qualcuno distrugge gli osservatori e di ciò viene incolpato Harlock… Un oggetto volante si avvicina alla Terra…

Una trappola è pronta per Harlock non appena questi giungerà sulla Terra per il compleanno della piccola Mayu, cui regala un’ocarina. Con lei porta fiori a una tomba, ed è lì che l’esercito lo attacca. Harlock non oppone resistenza. Più tardi stanno per fucilarlo, ma l’Alkadia e l’equipaggio giungono a liberarlo…

2 – ASSALTO DALL’IGNOTO

La flotta terrestre è distrutta da astronavi nemiche…

Un oggetto volante continua a viaggiare verso la Terra… Un’astronave nemica si dirige intanto verso l’Alkadia che l’abbatte agevolmente…

Sulla Terra intanto Harlock è incolpato della distruzione della flotta…

Mayu rifiuta di scrivere una lettera trappola ad Harlock e così, per punizione, è costretta a pulire la navata della chiesa. Di sera è attaccata da un lupo, ma Harlock la salva. Il pirata non la porterà con sé per adempiere alla promessa fatta a suo padre, un suo carissimo amico ormai morto…

Il professor Daiba avverte il primo ministro della minaccia rappresentata dall’oggetto volante in avvicinamento. Quello nega, ma Harlock spiega trattarsi di alieni umanoidi che vogliono conquistare la Terra. Tornato sull’Alkadia, Harlock decide che proverà a distruggerlo, ma i missili non hanno effetto su di esso. L’oggetto raggiunge così la Terra schiantandosi al suolo. È una sfera nera…

3 – UNA DONNA CHE BRUCIA COME CARTA

Nessuno si cura della sfera e solo Harlock, il professor Cuzco, Daiyu e suo figlio Tadashi conoscono la verità. I tre scienziati proseguono le ricerche. Cuzco decifra i segni su essa incisi: è un pennant, ma il primo ministro rifiuta di divulgare la notizia. Viene da zone remote della galassia. Il professore va al centro ricerche per scoprirne di più usandone il potente computer, ma una misteriosa donna lo uccide, attaccando poi il sopraggiunto Tadashi. Ma un uomo la elimina, salvando il ragazzo e mostrandogli come quei cadaveri brucino come carta. Poi gli dice di analizzare i dati raccolti dal padre e dai quali si evince che il pennant proviene da una galassia scomparsa. Gli dà un appuntamento per l’indomani, alle tre, all’aeroporto. Lì Tadashi vede l’Arcadia ed il suo capitano: Harlock. A bordo ci sono poi Yuki, Yattaran (ufficiale di rotta), Mime, la cuoca Masu, il Dr Zero e il suo gatto, il corvo del capitano e tanti membri dell’equipaggio all’apparenza scansafatiche, ma che diventano efficienti nell’affrontare la flotta mazoniana. Se vuole potrà restare a bordo e combattere per la libertà…

4 – SOTTO LA BANDIERA DELLA LIBERTÀ

Harlock riporta Tadashi sulla Terra. Il ragazzo potrà richiamare l’Alkadia con un dispositivo datogli da Yuki…
Cuzco ha decifrato i segni sulla Sfera: “Questa regione sarà la seconda patria delle onnipotenti mazoniane”. Sono simili a quelli Aztechi. I governanti però se ne fregano ridendosela…

La sfera emette onde radio al fine dell’invasione della Terra. Ma anche Cuzco viene ucciso da una mazoniana mentre Tadashi è arrestato per sovversione per aver chiesto con insistenza una scorta per Cuzco e per complicità con Harlock. In cella, di fronte alla vigliaccheria e irresponsabilità dei governanti, ripensando alla madre morta per inefficienza su Titano, promette vendetta. Durante il trasferimento in altro carcere fugge eliminando anche una mazoniana. Chiama allora Harlock con l’apparecchio lasciatogli, dopo aver sparato a una bandiera del governo mondiale. Combatterà per la libertà, giura ad Harlock venuto prontamente a prenderlo…

5 – AI CONFINI DELLE STELLE

Harlock porta Tadashi sul ponte di comando e l’Alkadia riparte. Yuki lo conduce poi in giro per l’astronave popolata dallo strambo equipaggio che delude il ragazzo per l’anarchia regnante…
Harlock abborda un cargo e al rientro trova Tadashi in stato confusionale a cercare con il radar Titano, dove morì la madre per l’inettitudine dei governanti impegnati a giocare a golf…

Una nave mazoniana è in vista e in breve l’equipaggio si fa efficiente, per lo stupore di Tadashi, abbattendola. Un ricognitore cattura una mazoniana. Tadashi è ora fiero di essere lì a bordo con loro e Harlock lo porta con sé a parlare con la mazoniana che, dichiarato di essere al servizio della regina Raflesia, si fa però esplodere…

6 – LA REGINA RAFLESIA

Harlock porta con sé in ricognizione Tadashi per metterlo alla prova. Il ragazzo distrugge una nave nemica dimostrando così di saper combattere. Il relitto che portano sull’Alkadia reca un simbolo…
La nave approda sull’Isola dei pirati dove Harlock è convinto di essere spiato…

Una sua lettera per Maiyu è recapitata alla bambina. La risposta è inviata al pirata nel luogo da lui indicato…

Harlock si sveglia di soprassalto, con Meeme a ricordargli il loro primo incontro. Poi legge la lettera di Maiyu accorgendosi di una mazoniana che fugge via…
Raggiunta una sonda che proietta l’immagine di Raflesia, Tadashi gli spara e la sonda esplode dando il là alla distruzione del pianeta. L’Alkadia è bloccata, riuscendo ad abbandonare il pianeta appena prima della sua distruzione…

7 – LA PIRAMIDE IN FONDO AL MARE

Seguendo le tracce di un segnale che disturba la ricezione del radar dell’Alkadia, Harlock torna sulla Terra scovando sul fondo del Triangolo delle Bermuda una piramide con incisi segni identici a quelli del pennant. Attratta, la nave si conficca in essa. Harlock, Yattaran e Tadashi vanno in perlustrazione trovandola simile a una mente piena di neuroni. Smarritisi gli altri due, Harlock resta solo e raggiunge la bara con il corpo di una mazoniana. Decide di risalire lasciandola riposare in pace. Ma Tadashi vuol distruggerla e in acqua finisce attaccato da mazoniane-alghe, ma Harlock giunge a salvarlo. Una di quelle alghe è prelevata e analizzata: è diffusa in quasi tutto il mondo… Garlock chiede al primo ministro di fare qualcosa per scovare le mazoniane che si celano tra i terrestri. L’esercito spera di fermare Harlock quando questi si recherà a far visita alla picola Maiyu. Vestiti da soldati, lui e gli altri raggiungono la bambina in palestra, presto bombardata. Ma si salvano per poi andarsene a bordo del’Alkadia (Maiyu è lasciata poco distante)…

DVD 2

8 – L’ASTUTA TATTICA DELLA REGINA

L’Alkadia segue il segnale delle mazoniane scoprendo la presenza della flotta di Raflesia, distante anni luce. Harlock torna allora sulla Terra per salutare Maiyu prima di partire per lo scontro nello spazio…

Una messaggera chiede a nome di Raflesia di tornare indietro, ma Harlock rifiuta, fa abbattere la navicella, andando poi a colloquio con un’ufficiale raflesiana che lascia ripartire subito dopo. Tadashi esce e abbatte la navicella, finendo però alla deriva con la sua, salvandosi per miracolo ma regredendo allo stato infantile per lo shock…

Una flotta mazoniana attacca, ma è presto sconfitta. Eccone però un’altra ben più numerosa in vista. Harlock, temendo una trappola per allontanarli dalla Terra, fa rotta verso il pianeta natio…
Tadashi torna in sé rendendosi conto delle straordinarie capacità di Harlock…

9 – LE TERRIBILI PIANTE UMANE

Il dottor Zero ritiene che le mazoniane siano piante, presenti sulla Terra nelle zone dove si trovano ruderi di civiltà primordiali. Harlock manda Tadashi, Yattaran, Yuki e il robot a prelevare dal museo il vaso dai contorni fiammeggianti. I quattro vincono la resistenza delle mazoniane trasportandolo sull’Alkadia. Il computer lo analizza riuscendo a decifrare parte di un messaggio in esso registrato. Sulla Terra devono essercene altri…
Tappa successiva è il Sud America, nella foresta dove Tadashi e Harlock vanno in perlustrazione. Lì sono attaccati dalle mazoniane piante. Solo il cannone sparaneve di Yattaran li salva…

10 – VERSO IL PIANETA SEGRETO

L’Alkadia riprende lo spazio… Durante un attacco nemico la navicella di Tadashi viene colpita e dirottata dalla mazoniana Laura, ma Harlock lo salva per poi speronare la nave nemica i cui frammenti sono analizzati permettendo la localizzazione della base mazoniana: Venere, prossima tappa dei pirati dello spazio…

11 – LAURA DAGLI OCCHI SCINTILLANTI

In prossimità di Venere una nave mazoniana alla deriva, colpita da un asteroide, compare di fronte all’Alkadia. Harlock manda Tadashi e Yattaran a perlustrarla. All’interno ce n’è ancora una viva, Laura, che Harlock fa condurre a bordo affidandone la custodia a Tadashi. Il ragazzo è messo alla prova: dovrà resistere alla bellezza dell’aliena…

Nel tentativo di farsi rivelare l’ubicazione della base mazoniana, Tadashi finisce però ipnotizzato da Laura che assume le sembianze della madre. Richiamo irresistibile per lui che, entrati nell’orbita di Venere, la conduce sul pianeta con una navicella permettendole così di fuggire. Tornato sull’Alkadia, Harlock gli mostra in video il nuovo inganno subito…

12 – MADRE, IN TUA MEMORIA!

L’Alkadia giunge presso il Continente Fossile dove una foresta di mazoniane è in fiamme. Seguendo i misteriosi segni in stile Maya, i pirati raggiungono un cratere che perlustrano rinvenendo vari oggetti da analizzare. Sono di 180 milioni di anni fa! Ma ecco che una nave nemica li attacca. L’Alkadia vince facilmente lo scontro, mentre Tadashi riesce stavolta a superare le allucinazioni eliminando Laura…

13 – IL CASTELLO STREGATO NEL MARE DELLA MORTE

Un segnale proveniente dalla Terra, dal Mar dei Sargassi, fa sì che Harlock si rechi in loco… Telefonato a Mayu, l’Alkadia si inabissa, finendo presto bersaglio di armi risalenti alla seconda guerra mondiale lanciate da un sottomarino. Poi è attaccata dai mezzi dell’esercito federale fino alla comparsa di una corazzata, sempre della seconda guerra mondiale! Dopo averla abbattuta agevolmente, i pirati proseguono l’immersione fino a raggiungere una cupola all’interno della quale penetrano. Dentro è pieno di navi e aerei vecchi e… un Castello! La voce di Aman, regina dei mari, li accoglie. Il sonno rischia di trattenerli per mille anni, ma l’Alkadia si muove in loro soccorso caricandoli a bordo e distruggendo Aman…

Una visita a Mayu e poi Harlock e Alkadia ripartono alla volta dello spazio…

14 – LA LAPIDE AI PIEDI DELLA SFINGE

Mayu è portata in Egitto dal ministro della difesa, Kirita. Per rivederla Harlock dovrà viaggiare solo. Ingannato, è costretto a vagare senz’acqua nel deserto…

Per salvare Mayu dall’attacco di uno scorpione, Kirita viene punto e, nell’andare a prendere dell’acqua, si imbatte in Harlock! Questi vorrebbe ucciderlo, ma Mayu glielo impedisce. Curato, l’uomo gli mostra la stele della sorella, Tam, morta lì da bambina, poi li conduce ai piedi di una sfinge, da lui scoperta nel seppellire la sorella, dal cui interno fuoriesce un missile costruito seimila anni prima. Fa fuoco e lontano l’Alkadia rischia di essere sepolta nella valle degli spettri. Poi Kirita spara contro Harlock e Maiyu, ma l’Alkadia si libera raggiungendo e distruggendo in breve la sfinge…

DVD 3

15 – L’AURORA BOREALE

Maiyu ha un nuovo incubo: Harlock sotto una lastra di ghiaccio…

Dopo aver ammirato l’aurora boreale, Harlock e l’Alkadia tornano sulla Terra, nell’Antartide, per appurare se essa sia artificiale. Lasciato il ricognitore su cui era salito con Meeme, Harlock finisce prigioniero di una donna dei ghiacci che, facendo aprire un crepaccio, incastra l’Alkadia. Il Ministro manda i caccia a bombardarla, ma invano. Meeme raggiunge Harlock ormai posto in una bara di ghiaccio dalla donna dei ghiacci, di lui innamorata, sconfiggendola. Harlock e l’Alkadia riprendono la via dello spazio…

16 – LA CANZONE DEL COMMIATO

Yuki torna in visita alla tomba dei genitori dove incontra l’amico Kasuya, che occupa ora la casa dei defunti, ancora intatta. Quando il padre morì per un esperimento, solo lui era lì presente… L’uomo le dichiara il suo amore… Yuki ricorda di quando, imbarcatasi, fu arrestata per oltraggio, ma Harlock la liberò prendendola a bordo dell’Alkadia. Con lui inizia gli esperimenti per coronare il sogno del padre, ma è vittima di Kasuya e della sorella che ne approfittano per interrogarla e capire come l’Alkadia possa muoversi da sola. Nel mentre Harlock, Mayu e gli altri si rilassano in spiaggia dove li attacca il ministro della difesa su soffiata di Kasuya. L’uomo è dunque una spia del governo e di Raflesia e, anche grazie a Meeme, finalmente Yuki se ne rende conto eliminandolo dopo averlo smascherato. Harlock elimina invece la finta sorella di Kasuya, in realtà una mazoniana…

17 – LO SCHELETRO DEI FALCHI SPAZIALI

In una bottiglia lasciata nello spazio Harlock trova la lettera di Iamanaka, comandante dei Falchi Spaziali della flotta terrestre in lotta con le mazoniane, rimasto intrappolato con l’equipaggio…
Un membro dell’Alkadia, Maji, un tempo al servizio di Iamanaka, ne ricorda l’eroismo e l’averlo salvato dalla moglie, in realtà una mazoniana che voleva eliminarlo e che lui gli aveva chiesto di lasciare. Era stata lei ad eliminare il professor Dayu, pochi giorni prima. Furioso, Maji vuole uccidere Iamanaka, ma Harlock interviene a salvarlo. Tornato a casa vede le mazoniane portare via la figlia Midori. Depresso e alcolizzato, si unì ad Harlock con la speranza di poter un giorno ritrovare la figlia e chiedere perdono a Iamanaka… L’Alkadia raggiunge il luogo indicato nel messaggio, presso la nebulosa Collo di Cavallo. Ma ormai è tardi e di Iamanaka resta solo lo scheletro al timone della nave semidistrutta… L’Alkadia le rende omaggio distruggendola…

Prossima tappa la base mazoniana su Collo di Cavallo…

18 – LE GUERRIERE OMBRA

Mentre l’Alkadia si dirige versi la Nebulosa Collo di Cavallo, lo sconvolto Maji viene attratto dall’apparizione della scomparsa figlia Midori, in realtà una mazoniana… Ma le apparizioni di guerriere mazoniane si susseguono e moltiplicano. Harlock ordina quindi di rintracciare il luogo di emissione di quelle ombre. Nelle Pleiadi, si scopre, ma sulla nave son presenti anche mazoniane vere…
Sempre più sconvolto, Maji cerca disperatamente di raggiungere quella che crede la figlia Midori, difendendone continuamente la mazoniana che la rappresenta. Quella fugge e così Maji lascia la nave per lanciarsi al suo inseguimento…
Secondo Harlock le guerriere ombra avevano l’incarico di reperire informazioni e dati sui membri dell’equipaggio…
Maji precipita infine con la sua navicella, ritrovandosi in una specie di foresta dove l’uomo rintraccia colei che crede sua figlia. La mazoniana è stata in effetti con lui da piccola, come spia. Sull’Alkadia hanno cercato di scoprirne di più sull’identità del 42° membro dell’Alkadia. Affranto, Meji prova a spararle prima dell’arrivo di Harlock. Giunge quindi il tempo di combattere… è lo stesso Meji ad abbattere la nave spaziale nemica, tra le lacrime…

19 – IL TRANELLO DELLA REGINA RAFLESIA

Avanzando verso la nebulosa Collo di Cavallo, una nube gassosa si fa incontro all’Alkadia. I raggi di un rivelatore mentale, l’arma di quella nube con cui Raflesia cerca di scoprire l’identità del 42° membro dell’equipaggio, soggetto al momento profondamente addormentato, proprio come il computer dell’Alkadia… Raflesia non si preoccupa più di tanto: la trappola con cui ha attirato Harlock verso Collo di Cavallo sembra stia andando in porto… Harlock ne è consapevole e le restituirà colpo su colpo… Il capitano mostra poi a Tadaschi la base che li segue, Ombra di Morte, un pianeta artificiale creato dal suo grande amico…
L’Alkadia penetra infine nello spazio della nebulosa Collo di Cavallo, dove continue fusioni ed esplosioni si susseguono tra la materia in essa presente… Tra comete e vortici magnetici, l’Alkadia finisce per essere attratta dalla gravità di un pianeta e solo a fronte di enormi rischi l’equipaggio riesce ad uscirne indenne. La battaglia prosegue con le navicelle mazoniane… Raflesia appare ad Harlock che nega la possibilità di giungere a patti…

20 – YURA. LA STELLA DISABITATA

Meeme è agitata da un incubo…
L’Alkadia sta avvicinandosi alla nebulosa dello Scorpione, Antares, dove, sul pianeta Yura, è cresciuta Meeme. Pianeta sconvolto da una guerra nucleare con i superstiti, tranne lei, uccisi dalle piante cresciute per via delle radiazioni…
Inquadrato Yura, la donna vuol andare a vedere se ci sia ancora vita su di esso. Harlock l’accontenta… Il pianeta sembra esser stato depurato dalla radioattività proprio dalle piante giganti… La presenza di tulipani, assenti durante la guerra, non convince però Harlock che ordina così la ritirata. A bordo della nave, reciso un fiore, tutti tranne il dottore, Harlock e Meeme svengono… Poi le piante giganti intrappolano ed attaccano l’Alkadia. Anche stavolta è solo dopo dura lotta che i pirati possono riprendere la via dello spazio… Il dottor Zero scopre poi che il vino è perfetto antidoto per le emissioni dei fiori… Vinta la battaglia, Harlock accompagna ancora sul pianeta Meeme cui sembra di scorgere la vecchia amica Fure, in realtà la mazoniana Georgebel… Si è dunque trattato di una macchinazione mazoniana sia la guerra che l’invasione delle piante giganti. Il pianeta serviva loro per coltivare fiori da donare a Raflesia. Seppur disturbata da ricordi e immagini del passato, è Meeme ad avere la meglio e così, al termine dello scontro, i fiori scompaiono e il pianeta torna a mostrarsi desolato…

21 – GORAM!

Viaggiando in direzione di Giove, l’Alkadia è costretta a schivare una serie di pianeti, uscendone però indenne…
Alcuni intrusi sono saliti a bordo dell’Alkadia, ma non sono mazoniane… Tadashi ne insegue uno fino a bordo della sua navicella, riuscendo a ferirlo ancora. I due sono ricoverati in infermeria, dove l’alieno dice di chiamarsi Zoro, del pianeta Tobaga, non alleato delle mazoniane. Il fiero combattente narra ad Harlock la storia del suo pacifico pianeta, attaccato improvvisamente dalle mazoniane. I superstiti presi in ostaggio o costretti a battersi contro l’Alkadia con il ricatto…
Una corazzata mazoniana sia avvicina. Zoro fugge, dopo aver lasciato un memorizzatore su cui ha caricato le foto della flotta d’assalto mazoniana. Si sacrifica, stufo di dover essere uno strumento nelle mani delle mazoniane. È Harlock a vendicarne la gloriosa morte subito dopo…

Precedente MOVIMENTI EVANGELICI IN ITALIA DALL'UNITÀ AD OGGI. STUDI E RICERCHE Successivo LOUIS-FERDINAND CÉLINE - MORTE A CREDITO (CDE 1994)