CAPITAN HARLOCK 3 – LEIJI MATSUMOTO – D/BOOKS


CAPITAN HARLOCK 3 – LEIJI MATSUMOTO – D/BOOKS



CAPITAN HARLOCK 3 – LEIJI MATSUMOTO – D/BOOKS
7pgg a colori

L’Arcadia e il suo equipaggio partono alla volta dello spazio per la battaglia contro le mazoniane. Seguendo la rotta di una sonda mazoniana inviata su Marte sperano di giungere nel punto giusto. Ma ecco che una nube gassosa li avvolge e un raggio sensoriale legge nelle menti dell’equipaggio, pensieri semplici che le mazoniane faticano a comprendere. Di uno solo non sono riuscite a leggere il pensiero…
L’Arcadia avanza così come la flotta mazoniana. Raflesia invia nuove onde proprio mentre Harlock parla con il computer della nave. È lui il membro ignoto che non riescono a individuare…
Su ordine di Raflesia, Jorgebel lancia una sonda contro la sala computer dell’Arcadia. Yuki e Daiba escono per intercettare il caccia, catturando la mazoniana che Harlock lascia poi libera…
L’Arcadia viene attratta e catturata dal pianeta Death Shadow. Raflesia ne approfitta allora per scatenare l’attacco contro di essa, ma i colpi vanno stranamente a vuoto. Il pianeta, assorbita l’energia dei colpi, allenta l’attrazione permettendo così all’Arcadia di ripartire, appena prima dell’esplosione del pianeta stesso. Qualcuno li aiuta poi distruggendo con un raggio un frammento del pianeta…. Harlock e l’Arcadia si sentono disonorati dall’esser stati risparmiati dalle mazoniane. Ma anche Raflesia si chiede chi sia stato a salvarli…
Mentre Daiba prova invano a potenziare il cannone dell’Arcadia, alcuni meteoriti passano sulla stessa rotta. Il computer vorrebbe che siano distrutti, ma i cannoni sono inservibili. Per Daiba è esperienza ed Harlock gli lascia il suo fucile affinché, smontandolo, possa comprendere il sistema di progettazione del suo defunto amico inventore…
Celati dietro asteroidi, navicelle condotte dai figli di Zol di Tokaga attaccano l’Arcadia. Daiba, dopo lo smacco delle fallite modifiche al cannone, esce con uno degli space Wolves, presto inseguito e catturato dai nemici. L’Arcadia deve così recarsi su Tokaga, presto bersaglio di raggi energetici. Harlock ordina di avanzare e, quando le navicelle mazoniane li attaccano, non entrati nell’orbita del pianeta tanto simile alla Terra, di tentare di immergersi nell’Oceano…
TECHNOLOGIRUS. LA CITTÀ MECCANICA

Il giovane S-3, abitante di Technologirus, la città meccanica, è costretto tutti i i giorni a riposi e risvegli forzati, a premere un solo bottone ricevendone in cambio energia che gli garantirà l’eterna giovinezza. L’avvenente addetta all’assimilazione, Morai, si rivela essere membro di un gruppo esodista che vuole il ritorno alla natura. Lo conduce quindi nel nucleo del pianeta dove, in attesa, c’è Harlock, ormai mezzo meccanizzato, che li invita a partire per procreare umani. Sulla navicella i due fanno sesso ma… si scopre che Mirai è in realtà semi-mecccanizzata e, controllata da Technologirus, destinata a procreare umani che saranno favorevoli alla meccanizzazione e che si stabiliranno su un pianeta, la Terra…

I commenti sono chiusi.